venerdì 24 marzo 2017

Le Tre Attenzioni

"Ciò che noi crediamo essere unico ed assoluto, è solo uno in un insieme di mondi consecutivi, posizionati come gli strati di una cipolla. Egli affermò che anche se noi fossimo stati energeticamente condizionati a percepire solamente il nostro mondo, avremmo avuto ancora la capacità di entrare in quegli altri regni, che sono reali, unici , assoluti ed ingolfati come lo è il nostro mondo."
Carlos Castaneda, l'Arte di Sognare

Per entrare in questi mondi, Carlos Castaneda ci insegna a sviluppare le Tre Arti del Cammino del Guerriero, che corrispondono alle Tre Attenzioni:

1. L'arte dell'agguato - la prima attenzione
2. L'arte del sognare (o in-sognare) - la seconda attenzione
3. L'arte dell'intento - la terza attenzione

Delle tre, solo due vengono spiegate, la terza non è stata sviluppata.

L'arte dell'agguato vuol dire due cose:

1. Muovere il "Punto d'Unione" : la manovra dell'agguato è qualsiasi cosa che dia uno "strattone" al "Punto d'Unione", muovendolo cioè dal suo sito, dalla sua posizione abituale in cui si trovasse "sedimentato"
2. Attuare la "Follia controllata" ovvero riuscire a separarsi dal mondo, restando in esso, continuando a viverci (equivale all'insegnamento di Gesù il Cristo di "essere nel mondo ma non del mondo").

Il Punto d'Unione ("Assemblage Point") è il centro dell'uovo energetico che circonda il corpo fisico (ovvero i corpi energetici o sottili : astrale, mentale, causale) ed è il responsabile delle nostre percezioni. L'equivalente nella fisiologia sottile è lo sviluppo (apertura) dei chakra superiori.
E' chiaro che se muoviamo questo punto, cambiamo anche l'ampiezza delle nostre percezioni e quindi della nostra realtà. Succede tuttavia che, mentre da giovani il punto di unione è fluido, quindi può scorrere, l'adulto comune ha il punto di unione bloccato, e quindi serve uno scrollone per farlo tornare a muovere. Le tecniche per muoverlo vengono spiegate nei libri di Castaneda, una di queste è appunto la "follia controllata".

L'arte di sognare è spiegato dallo stesso Castaneda :

"L'arte di sognare è la capacità di utilizzare i sogni ordinari e trasformarli in coscienza controllata, in virtù di una forma speciale di attenzione denominata "attenzione di sogno" - altro termine per indicare la "seconda attenzione".
Carlos Castaneda, il Dono dell'Aquila 
A differenza dell'arte dell'agguato che spinge il Punto d'Unione a spostarsi, l'arte di sognare non lo muove ma lo fissa nel punto in cui si trova (o in cui è stato mosso con l'arte dell'agguato). Le due tecniche quindi vanno di pari passo. Tale arte di sognare non è da confondere con il "sogno lucido".
Quindi lo scopo dell'arte di sognare, o meglio di "in-sognare", è arrivare ad avere piena consapevolezza dei propri sogni.

Nessun commento:

Posta un commento